|

Home2016Maggio

Maggio 2016

STA SERA IN TV

Questa sera Italia Vs San Marino (!) su Rai1 e Virginia su Rai2. Gli altri canali prevedono: zombi su Marte, gli scarafaggi inglesi, delitti senza titolare, il Signor Coccodrillo, ti conosco mascherina!, poliziotti intossicanti e la Mamma è sempre la Mamma.

Ricordo le regole del gioco: scelgo i film a mio avviso guardabili, tutti in prima serata salvo pellicole eccezionali , le reti sono quelle disponibili sul digitale terrestre, non tratto le serie, suggerisco trasmissioni di altro genere se a mio avviso interessanti, siete invitati a fare commenti ante e post la visione, rispondo a tutt*.

Ecco la lista di questa sera 31 maggio 2017

1) Rai4 ore 21,03 LAST DAYS ON MARS – FantaHorror Una missione di scienziati di tutto il Mondo sta finendo il suo ciclo ed è oramai in attesa della navetta con il turno semestrale che li sostituirà. Uno di loro fa un ultimo tentativo perforando la crosta marziana alla ricerca della vita, ma viene inghiottito da una frana. La frattura provoca la fuoriuscita di batteri e allora… C’è Liev Schreiber il mio attore feticcio.

2) Rai5 ore 21,15 DISCOVERING MUSIC: JOHN LENNON – Serata Beatles dopo questo film dedicato alla figura di John va in onda BEATLES STORIES a cinquant’anni dalla pubblicazione del LP Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band

3) RaiMovie ore 21,20 88 MINUTI – Al Pacino è un noto criminologo/psichiatra alle prese con un condannato in attesa di esecuzione ed un killer che fuori ne imita il modus operandi seriale

 

 

4) Rete4 ore 21,15 MR CROCODILE DUNDEE II – Secondo capitolo di un trittico con protagonista Paul Hogan che dalla natia Australia si trasferisce con la moglie a New York. La semplicità della filosofia di vita di questo swagman e la descrizione di una Australia naturalistica e Western costituirono il successo di queste pellicole alla fine degli anni ’80.

 

5) Italia2 ore 21,10 V PER VENDETTA – Anche questo film è diventato una icona, precisamente la maschera di Guy Fawkes che è diventata il simbolo di Anonymus la rete di hacker internazionali che si batte contro l’Isis e i marchi.

 

 

6) Iris ore 21,00 COLPEVOLE D’OMICIDIO – Fa pendant con gli 88 minuti di Al Pacino. Qui è Robert De Niro che da poliziotto antidroga deve indagare sull’uccisione del suo partner. Figlio di un infanticida a sua volta non ha saputo gestire lavoro e famiglia abbandonando il figlio tossicodipendente. Coney Island decaduta e decadente

 

7) La5 ore 21,10 LA PRIMA COSA BELLA – Virzì racconta la storia di un uomo di mezza età che torna dalla madre. Lei Donna libera e vivace adesso è ammalata di cancro e la triste occasione serve per ripercorrere gli anni della giovinezza quando la Mamma era il perno gioioso ed imbarazzante di tante giornate a Livorno. Grande interpretazione di Stefania Sandrelli

IL RESTO È

Paramount ore 21,15 PIOVUTA DAL CIELO La Bullock scatenata cerca di risvegliare un Affleck già bolso

NOVE ore 21,20 HELL ESPLODE LA FURIA Infatti esplode durante la visione di questo film di Van Damme con la trama identica ai precedenti del belga dalla spaccata facile

CIELO ore 21,15 INVASION ROSWELL THE EXTERMINATORS Gli alieni arrivano proprio quando stai per andare in pensione, Mannaggia!

TV8 ore 21,15 NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI OGGI La crème de la crème degli attori e attrici cani del cinema italiano

FOOD Network ore 21,10 SCHERZI D’AMORE Più che scherzi sembrano pugnalate

Buona visione!

Non so se Pietro avesse mai visto il trenino rosso del Bernina, ma, certamente, si sarebbe emozionato. Lui era un appassionato di treni e aveva costruito, nella sua “sala giochi”, un enorme plastico riproducente un villaggio austriaco, con dettagli, a dir poco straordinari e soprattutto tanti, tantissimi treni. Treni che si fermavano alle stazioni, treni che si incrociavano, gallerie, passaggi a livello automatici..
Mentre fotografavo questo treno ho pensato che gli avrei stampato la foto.
Ma non posso più farlo, Pietro è andato, ha preso un treno veramente troppo in anticipo..e già ci manca.

FUSILLI TRICOLORE CON SALSICCIA LENTICCHIE E CURRY

Ingredienti per due persone:

  • 200 gr fusilli tricolore
  • 150 gr salsiccia
  • 1 scalogno piccolo
  • 50gr di lenticchhie secce
  • un cucchiaio di parmigiano
  • un bicchiere di vino b.co

Preparazione

Tritare lo scalogno e farlo soffriggere leggermente con u filo d'olio d'oliva, aggiungere le lenticchie e cuocere lentamente aggiunge do un po di brodo vegetale alla volta,circa 30 minuti.

A parte sbriciolare e soffriggere la salsiccia sfumando coon il vino,unirvi le lenticchie aggiungere i fusilli già cotti, un cucchiaio di polvere di curry, un cucchiaio di parmigiano a piacere con un goccio di acqua di cottura per amalgamare. Impiattare ed aggiungere un filo d’olio crudo ed un pizzico di curry.

Buon Appetito da G&G.

Con il decreto legislativo 50/2016 il governo ha annunciato il ‘Nuovo Codice Appalti’. C’era bisogno di tale Codice? Difficilmente si trovera’  un esperto che risponda di si’.Contrariamente a quanto si crede l’Italia gode delle leggi piu’ dettagliate e restrittive in materia e la nostra produzione legislativa non teme confronti. Di un Nuovo Codice vi sarebbe bisogno nel caso si volesse semplificare e mettere ordine alla montagna di provvedimenti che negli anni si sono affastellati sui Contratti Pubblici.Invece si e’ preferito sfruttare la prima occasione utile per fare l’ennesimo provvedimento volto a ‘STRONCARE LA CORRUZIONE ED IL MALAFFARE”. Nella realta’ si sarebbero dovute recepire 3(tre) direttive UE , esattamente le numero 23 –24 e 25 del 2014.Si tratta di tre provvedimenti Comunitari previsti nell’ambito della periodica revisione degli strumenti legislativi a disposizione delle Stazioni Appaltanti per procedere a Lavori Pubblici, Servizi ed Acquisti.
Essi vanno infatti a sostituire analoghe direttive UE vecchie di circa 10 anni . Molto semplicemente e con una certa chiarezza esse disciplinano il Settore delle Concessioni (la 23/2014) ,gli appalti dei Comuni Regioni ecc (la 24/2014) e gli appalti dei cd Settori esclusi , vale a dire Trasporti , Acqua ,Energia , Posta ecc (la 25/2014). Tutto molto semplice , chiaro , limpido. Come da Trattato UE le direttive vanno adottate entro 2 anni dalla loro pubblicazione in Gazzetta UE, limite che stava scadendo. Il governo , ed anche tutte le forze politiche in Parlamento, hanno preferito chiamarlo pomposamente ‘NUOVO CODICE ecc ”

Il Governo (ed il Parlamento nella DELEGA) ha utilizzato dal punto di vista comunicativo un atto dovuto trasformandolo in un intervento utile alla quotidiana battaglia politica contro la corruzione, il malcostume ecc.. Tuttavia il governo va in parte scusato : tutti i precedenti esecutivi avevano fatto la stessa cosa !!

Purtroppo si e’ voluto copiare dai precedenti governi anche la parte sostanziale producendo un testo talmente farraginoso che dara’ luogo ad infiniti seminari di esperti , approfondimenti , proposte di riforma del testo e riforme effettive del testo ; tutte motivate dalla necessita’ di stroncare il malaffare. . Invece di 3 distinti provvedimenti si e’ invece preferito mettere le tre Direttive UE in un unico testo , appesantendolo con una serie di misure volte ( come sempre) a combattere malcostume e corruzione. A corredo il Ministero ha poi prooveduto ad emanare un testo chiamato ‘Tabella di concordanza ..’’ fra le 3 direttive UE e la nuova disciplina dello Stato italiano. Si tratta di un provvedimento di 1236 (milleduecentotrentasei ) pagine!!!!

Un documento evidentemente necessario per consentire a Bruxelles di rintracciare nel testo italico le direttive che si era obbligati a recepire. Senza tale Guida anche il piu’ solerte dei funzionari UE non riuscirebbe a rintracciare le norme UE nell provvedimento digs 50/2016 .

Chi volesse esrcitarsi trovera’ qui’ di seguito i provvedimenti in questione :

http://eurlex.europa.eu/legalcontent/IT/TXT/?uri=uriserv%3AOJ.L_.2014.094.01.0001.01.ITA
http://eurlex.europa.eu/legalcontent/IT/TXT/?uri=celex%3A32014L0024
http://eurlex.europa.eu/legalcontent/IT/TXT/?uri=CELEX%3A32014L0025
http://www.bosettiegatti.eu/info/norme/statali/2016_0050.htm
http://ftpmaggioli.cloud.elogic.it/tabelle_concordanza_codice_appalti.pdf

Si deve inoltre sapere che , per atto costitutivo UE , i singoli Stati riconoscono la supremazia delle norme UE sulle misure analoghe che un singolo Stato puo’ adottare qualora la legge Nazionale per come e’ scritta o per la giurisprudenza susseguente , entri in conflitto con Direttive e Regolamenti Comunitari. Quindi si e’ prodotto non soltanto un testo complicato ma anche inutile : se infatti un Parlamento Nazionale fa un provvedimento troppo ‘lasco’ o protettivo degli interessi ‘locali’ questo in sede di Corte di Giustizia Europea soccombe perche’ ostacola la Concorrenza ed i diritti delle

Imprese Concorrenti, se invece dovesse adottare testi molto piu’ ‘Stringenti’ questi cadrebbero in quanto limitanti il Potere delle stazioni appaltanti di perseguire il proprio interesse.

Gli unici casi in cui puo’ prevalere il testo Nazionale sono costituiti dalle previsioni delle normative comunitarie laddove recitano : Gli Stati membri possono …ecc .

Le Direttive Comunitarie in materia di Appalti Pubblici richiedono un minimo di adattamento culturale ( in compenso sono chiare !! ) , poiche’ hanno sempre dovuto ‘mediare’ fra l’impostazione anglosassone tesa ad enunciare pochi principi ed a lasciare alla prassi ed alla giurisprudenza a fare da ‘regolamento’ e la tradizione piu’ continentale tesa a dettagliare procedure ed obblighi gia’ in sede legislativa. Col passare del tempo anche le norme Comunitarie si sono sempre piu’ dettagliate e, quindi, appesantite. Essendo prevalenti ci si dovrebbe aspettare che uno Stato le adotti senza ulteriormente complicare le procedure. Invece da noi si fa il contrario costruendo il terreno fertile per ricorsi, interpretazioni divergenti, allungamento sei tempi ecc.

Un esempio illuminante della tensione esistente fra le diverse scuole di pensiero si ha in modo anche comico nell art su corruzione e conflitto di interesse (art 35 Direttiva UE 23/2014)

Esso e’ stato introdotto in modo esplicito per la prima volta in seguito alla corruzione presente negli stati Balcanici ,l’italia , la Grecia ecc.

Va da se’ che una legge che disciplina e regolamenta gli Appalti Pubblici e’ essa stessa implicitamente antimalaffare.

Non si capisce quindi la necessita’ di un articolo ad hoc, a meno che non si pensi che la legge favorisca la corruzione .La UE ha risolto brillantemente la querelle rinviando il problema ai singoli Stati tramite il seguente articolo : Art 35 direttiva 23 2014 Lotta alla corruzione e prevenzione dei conflitti di interesse

Gli Stati membri dispongono che le amministrazioni aggiudicatrici e gli enti aggiudicatori adottino misure adeguate per combattere le frodi, il clientelismo e la corruzione e per prevenire, individuare e risolvere in modo efficace i conflitti di interesse insorti nello svolgimento delle procedure di aggiudicazione della concessione, in modo da evitare qualsiasi distorsione della concorrenza e garantire la trasparenza della procedura di aggiudicazione e la parità di trattamento di tutti i candidati e gli offerenti ( duri…)……………per poi continuare…..

Per quanto riguarda i conflitti di interesse, le misure adottate non vanno al di là di quanto sia strettamente necessario per prevenire un conflitto di interessi potenziale o eliminare il conflitto di interessi identificato . ( purche’ non si esageri con le regole!!)

Praticamente si dice ai Paesi nordici di non perdere tempo a dettagliare in modo eccessivo, mentre si lasciano liberi i paesi del Sud di ‘comunicare’ la riduzione ‘ dellla corruzione grazie alla ‘produzione ‘ legislativa!!

Alcune domande che vengono spontanee :

A) Se si pensa che e’ necessario produrre sempre piu’ ‘legge’ e sempre maggiore ‘regolamentazione’ per contrastare il mal costume perche’ mai le norme Comunitarie in molti Paesi UE sono sufficienti alla bisogna ?

B) Perche’ Imprese Primarie in Italia ricorrono sempre contro il risultato di una gara di Appalto mentre le stesse non lo fanno mai in Francia o in Germania ? Men che meno in Inghilterra?

Renzo Brunetti

STA SERA IN TV

Questa sera una chiamata ti salva la vita, Dobson pittore dimenticato, filmati sexy amatoriali, un uomo veramente cattivo, il destino di uno sniper, lo Sceriffo e gli indiani e l’Amore improvviso a Roma.

Ricordo le regole del gioco: scelgo i film a mio avviso guardabili, tutti in prima serata salvo pellicole eccezionali , le reti sono quelle disponibili sul digitale terrestre, non tratto le serie, suggerisco trasmissioni di altro genere se a mio avviso interessanti, siete invitati a fare commenti ante e post la visione, rispondo a tutt*.

Ecco la lista di questa sera 26 maggio 2017

1) Rai2 ore 21,20 THE CALL – Il 911 è il numero nazionale dell’emergenza di qualunque tipo (un 118 più un 113) Jordan Turner/Halle Berry ci lavora da anni ed è abituata a tutto, ma una sera riceve una chiamata di una bambina che è dentro ad un bagagliaio dell’auto del suo rapitore e allora…

 

 

2) Rai5 ore 21,15 IL GENIO DIMENTICATO DELL’ARTE INGLESE- William Dobson un pittore di corte famoso nella sua epoca per essere un interprete della Scuola Veneziana. Divenne ritrattista del Re Carlo I e della sua discendenza ma la rivoluzione Inglese lo fece cadere in disgrazia. Il documentario narra della sua formazione e delle influenze italiane ed olandesi nella sua pittura. (sciovinisticamente faccio notare la grandezza di Tiziano e l’arrampicata sugli specchi della BBC)

3) RaiMovie ore 21,20 SEX TAPE FINITI IN RETE – La routine di un matrimonio spesso annulla il desiderio e Annie e Jay hanno la bella pensata di girare un film amatoriale mentre… Purtroppo finisce in rete e “..nessuno sa cos’è il cloud!!!..”

 

 

 

4) RaiStoria ore 21,05 CONTEMPORANEA: THE UNKNOWN KNOWN MORRIS VS RUMSFELD – Richiama Frost vs Nixon ma qui appunto si tratta di uno “sconosciuto noto” cioè Donald Rumsfeld l’uomo che c’era con Reagan, con Bush Senior, che scrisse a Clinton la lettera sull’Iraq e la potenza USA e mise in crisi il Presidente, che c’era con Bush Junior. L’anima nera di Washington, Un fascista mascherato da patriota. Documento di estremo interesse per svelare un passato prossimo e le sue conseguenze sul nostro presente e futuro.

5) Italia1 ore 21,20 LONE SURVIVOR – Film tratto dal libro di Marcus Luttrell (che appare nelle scene iniziali al campo base) ex Navy Seal che in missione in Afghanistan si trovò isolato con altri tre colleghi sulla cima dell’ Hindu Kush. Attaccati dai talebani il team venne sterminato con l’eccezione di Luttrell che si rifugiò in un villaggio e da qui…

 

 

6) CRIME ore 21,10 LONGMIRE : UNO SPACCIATORE IN MENO – Prosegue la serie ora prodotta da Netflix sulla vita dello Sceriffo Longmire tra indiani, delinquenti ed esoterismo.

7) CIELO ore 21,15 ROOM IN ROME – Due Donne, due vite differenti si incontrano a Roma una è russa e l’altra spagnola. Una si deve sposare e ha scelto Roma per la cerimonia l’altra è finalmente in vacanza con tutta la famiglia. Ed è subito Amore.

 

 

 

IL RESTO È

Canale5 ore 21,10 LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA Guardate “Worst Week”, l’originale è meglio di questa copia penosa.

Italia2 ore 21,10 LE COMICHE Sempre in tema di far pena ecco un film girato solo per il cachet trascurando tutto il resto. Quando un comico mette in scena le barzellette perché non gli viene in mente altra sceneggiatura è alla fine.

Iris ore 21.00 MAD MAX – INTERCEPTOR Primo episodio diretto da Miller che tornerà 36 anni dopo a dirigere l’epilogo

La5 ore 21,10 5 APPUNTAMENTI PER FARLA INNAMORARE Altro tentativo di Nia Vardalos di rinverdire i suoi Grassi Grossi successi

FOOD Network ore 21,10 OTTO GIORNI PER LA VITA Eh! Se non ci fosse la Mamma!

Buona visione!

Dopo Il Capitale Umano, Paolo Virzì con La Pazza Gioia, aiutato nella scrittura da Francesca Archibugi, ritorna alla commedia, quella commedia italiana da risate sincere, momenti di commozione e sorrisi di piccole verità. Il film è la storia di due donne che hanno in comune solo il fatto di essere entrambe ospiti in una comunità terapeutica per disagio mentale in mezzo alla campagna. Beatrice, una splendida e svaporata Valeria Bruni Tedeschi, sofisticata ed eccentrica, esagerata e logorroica, ricoverata per schizofrenia aggressiva, diventa amica della neo-arrivata, la più giovane Donatella, una magrissima Micaela Ramazzotti, timida e taciturna, di umili origini, che nasconde segreti impenetrabili. Improvvisamente e quasi per caso le due donne scappano su un autobus e da questa fuga poco programmata decidono di darsi alla pazza gioia. Non c’è l’intento di evasione, quanto quello di cercare di essere serene almeno per un po’. E così, quasi senza coscienza – d’altronde sembra proprio che secondo le perizie loro siano fatte così – si scontrano con il mondo fuori che secondo la stessa definizione di Virzì “è un manicomio a cielo aperto”- e forse lo è di più della piccola comunità agricola dove erano ricoverate e piantavano gli aromi. Le due amiche, Beatrice che cova l’illusione di poter ancora essere considerata l’altolocata moglie di che era un tempo, e Donatella che non ha mai smesso di pensare al figlio, si muovono maldestramente in un mondo di gente misera, uomini approfittatori, padri indifferenti, madri avide, tutti dominati dal proprio ego personale, sorreggendosi a vicenda. Il passato ritorna prepotentemente nelle loro vite e allora anche lo spettatore capisce che può essere davvero semplice cadere, cedere, quasi quanto mettersi a piangere e che quando succede – e può capitare a tutti, sia alla moglie di, che alla cubista da discoteca- nessuno ti può salvare. La psichiatra della comunità, l’unica che le ascolta, le può aiutare. Ma loro si possono salvare solo da sole. E allora l’amicizia – quella spontanea, poco artificiosa, improbabile – ecco quell’amicizia, è l’unica cosa che dà un senso a questo salvataggio. Che ti fa rialzare perché forse ne vale la pena.

Villa Biondi dove sono ospiti Beatrice e Donatella è una delle tante comunità terapeutiche che sono state istituite con la legge 81 del 2014 che, dopo la Legge Basaglia, prevedeva la chiusura dei 6 Opg (Ospedali Psichiatrici Giudiziari) italiani: Castiglione delle Stiviere, Montelupo Fiorentino, Reggio Emilia, Napoli, Aversa e Barcellona Pozzo di Gotto. In molti di questi Opg la situazione era infatti disperata: sovraffollamento, scarse condizioni igieniche, trattamenti non adeguati alle malattie dei pazienti. Il 30 marzo 2015 è scaduto il nuovo termine di chiusura ma ancora questi ospedali esistono. Dove possono infatti essere ricoverati i malati? In famiglia? E chi aiuta le famiglie? Le comunità dedicate a percorsi di reinserimento individuali potrebbero sicuramente essere una soluzione, ma quante ne esistono oggi? Un bel fumetto di Graphic News illustra con immagini la situazione di oggi.

Mi ricordo che tempo fa seguii un incontro sulle attività d’arte che venivano svolte dentro a uno degli Opg italiani. L’educatrice mostrò alcuni disegni dei pazienti – e uno in particolare mi colpì molto. Rappresentava un uomo piuttosto stilizzato, tratto di biro nera su carta, con un paio di calzoncini a pois, che si portava in modo piuttosto contorto il piede vicino all’orecchio. E sotto c’era scritto “Persona che tenta di ascoltare la propria gamba non avendo nessuno con il quale parlare”.
Forse il vero problema di chi è malato, ma anche di chi è sano, è che avremmo solo bisogno di qualcuno che sappia ascoltarci.

Venerdì 27 e sabato 28 maggio l’Indiana University festeggerà i suoi 50 anni di presenza a Bologna e di collaborazione con l’Università attraverso il “Bologna Consortial Studies Program”.

Un programma che ogni anno dà la possibilità a 40-70 studenti americani provenienti da diverse Università – University of Chicago, Colunbia University, University of Minnesota, solo per citarne alcune – di seguire un periodo di studi a Bologna.

Per l’occasione abbiamo intervitato Andrea Ricci, direttore della sede bolognese dell’Indiana University.

Per maggiori informazioni: http://www.bcspbologna.it/

Nel mezzo del lago di Como su un promontorio di fronte a Bellagio sorge la fortificazione di Vezio le cui antiche vestigia hanno origini nella notte dei tempi.La bellezza del luogo,le mostre temporanee di scultura,le esibizioni di falconeria e non ultimi “i fantasmi”affacciati al parapetto sul lago ,ne fanno un posto unico e di grande suggestione.I fantasmi del castello di Vezio

Circa 50mila persone hanno invaso il centro di una Bruxelles piacevolmente soleggiata e calda per ammirare la Zinneke Parade che ha sfilato per le strade principali della città sabato pomeriggio.

Nel 2000 quando Bruxelles era capitale della cultura europea insieme ad altre città (tra cui Bologna), venne deciso di celebrare l’evento con una parata che da allora ha luogo ogni anno pari con un tema diverso scelto dai cittadini stessi tramite votazione.

Per il 2016 fu scelto come tema, due anni fa, la fragilità, mai forse più azzeccato visti i recenti attentati che hanno scosso la città. Quest’anno erano 24 gli Zinnodes ossia i gruppi di cittadini che hanno preso parte alla sfilata. 24 soggetti, tra scuole, associazioni, centri culturali e artisti di vario genere hanno lavorato per mesi e mesi ad inventarsi creazioni originali e colorate per questo carnevale cittadino di fine maggio. Caratteristica principale della festa è che tutto deve essere all’insegna del riutilizzo e che la parata è a trazione umana, vale a dire che nessun mezzo a motore è utilizzato, come tutta la musica e i canti non possono essere amplificati da apparecchi elettronici (anche se a dir la verità, un paio di casse sono state avvistate quest’anno, ma anche velocemente perdonate).

Svariate come sempre le rappresentazioni che andavano da complessi jazz ispirati alla New Orleans degli anni ’70, a personaggi futuristici a la “Avatar” senza dimenticare elfi, fate e piante parlanti che ricordavano il “Signore degli anelli”, per concludere poi con scolaresche vestite di bottigliette di plastica riciclate e nonnine che danzavano con piante come cappelli. Insomma un vero e proprio inno alla fantasia e alla diversità.

D’altronde la Zinneke Parade è la sfilata degli zinnekes, ossia degli abitanti di Bruxelles che sono un vero melting pot di origini diversissime.

Originariamente Zinneke era il nome di uno dei piccoli canali che collegava la Zenne (il fiume di Bruxelles, oggi completamente interrato) al canale Brussel – Willebroeck ma vuole anche dire, in dialetto brussellese, cane randagio, bastardello, proprio come quelli che ogni tanto ci cadevano nel canale. La tradizione vuole che poi si iniziò a definirezinneke l’abitante di Bruxelles in relazione alla sua identità “diversa” e multiculturale che in effetti caratterizza da secoli la città, accentuata ancora di più da quando negli anni ’60 la Commissione europea la scelse come sede, rendendola la capitale europea che tutti oggi conosciamo. Quindi non si poteva scegliere altro nome se non questo per definire un evento che celebra Bruxelles in tutta la sua complessità e multiculturalismo, fatto dai brussellesi per i brussellesi. Da qualsiasi parte del mondo essi vengano.

Il 25 maggio 1977 usciva nei cinema il primo film di George Lucas della fortunata serie:  Guerre Stellari.

I films della prima serie furono tre, poi ripresi dopo una quindicina di anni da un’altra serie prequel di altri tre.   Sono attualmente in produzione altri tre films, legati agli stessi personaggi, che vogliono essere l’inizio di tutto.
Nel corso degli anni, la saga ha acquisito sempre maggior popolarità, divenendo ben presto uno dei più emblematici blockbuster di tutti i tempi e scatenando un enorme fenomeno culturale senza precedenti in ogni parte del mondo .

Questa sera l’Uomo Ragno sempre più uomo, un bel film inglese sulla Natura morta, il ricordo di Sir Roger Moore, George amaro, i cornuti del Nord, la vendetta come ragione di vita, super eroi cupi e vecchietti detective.

Ricordo le regole del gioco: scelgo i film a mio avviso guardabili, tutti in prima serata salvo pellicole eccezionali , le reti sono quelle disponibili sul digitale terrestre, non tratto le serie, suggerisco trasmissioni di altro genere se a mio avviso interessanti, siete invitati a fare commenti ante e post la visione, rispondo a tutt*.

Ecco la lista di questa sera 23 maggio 2017

1) Rai1 ore 20,30 FALCONE E BORSELLINO – 23 maggio 1992 la Strage di Capaci 19 luglio 1992 Strage di via D’Amelio. In diretta da Palermo Fazio e Saviano…

2) Rai4 ore 21,02 THE AMAZING SPIDER-MAN 2 – IL POTERE DI ELECTRO – Più intimista dei precedenti senza tralasciare gli effetti speciali dei Super Cattivi. Peter Parker scopre tanti segreti e scopre se stesso.

 

 

3) Rai5 ore 21,15 STILL LIFE – Film molto bello, senza interruzioni pubblicitarie. Eddie Marsan è un grande Attore con una faccia speciale. Qui interpreta un impiegato comunale incaricato di rintracciare i parenti di chi è morto in solitudine. L’ufficio subisce i soliti tagli e lui ha una ultima missione: Riprendersi la Vita.

 

4) RaiMovie ore 21,20 AGENTE 007  VIVI E LASCIA MORIRE – Oggi ci ha lasciati Sir Roger Moore l’interprete ironico di tanti Eroi da Simon Templar a Brett Sinclair sino ai suoi 7 James Bond. Gli ultimi due 007 li girò solo perché pressato dall’agente e dal contratto. Ha fatto tanta beneficenza sia in sordina che palese (ambasciatore dell’UNICEF). Era un militare che lasciò i gradi per recitare. In questo film s’intrecciano riti vudù traffico d’eroina , gangster neri e la Louisiana. Jane Seymour  è Solitaire la bellissima Bond Girl di questo film. Anche lei una Donna/Attrice impegnata per il sociale (campagne antiAids, fondi per gli sfollati di Katrina ecc) Racconto un aneddoto anche per significare che tra gli attori ci sono Uomini e uomini: Nel 1983 venne scelta per interpretare il ruolo femminile in “Uccelli di rovo”. Durante una scena di sesso con Richard Chamberlain/Padre Ralph, rilasciò involontariamente del latte materno (aveva partorito da poco) sul Chamberlain, che gridò allo scandalo e impose alla produzione di licenziarla altrimenti se ne sarebbe andato lui. La produzione puntava molto su Chamberlain e decise di accontentarlo licenziandola. Chamberlain poi ha scelto altre opzioni per la sua vita.

5) Canale5 ore 21,10 PARADISO AMARO – Matt King/George Clooney è ricco e possiede dei terreni, addirittura un isola alla Hawaii, ma vuole cedere tutto per incassare tanti soldi da una speculazione edilizia. Del Mondo gli interessano gli affari e trascura le due figlie (che per questo lo odiano) e la moglie Elizabeth. Lei ha un incidente in motoscafo e resta in coma. Matt è costretto ad occuparsi della famiglia ma tutti non lo aiutano. Scopre attraverso una delle ragazzine che sua moglie lo tradiva da tempo con uno dei possibili compratori/speculatori. E allora… Dopo questo film George Clooney decise di metter su famiglia.

6) Rete4 ore 21,15 I VICHINGHI –  Depredare le coste dell’Inghilterra era l’attività principale dei Vichinghi. Il loro capo Asbjörn decide una razzia ma a causa di una tempesta approdano malamente in Scozia dove i Vichinghi erano sconosciuti. Il re di quelle terre gli manda contro degli spietati mercenari ma…

 

 

7) Iris ore 21,00 CACCIA SPIETATA – Due irlandesi (Liam Neeson e Pierce Brosnan) interpretano un sudista ed un nordista dopo la Guerra Civile Americana. Carver è un uomo del sud che vive per vendicarsi del Capitano Gideon. Per farlo attraversano tutto il Paese con i suo clima così differente ed estremo, sino a quando si troveranno entrambi nel deserto dissetati solo dall’odio reciproco.

 

8) Paramount ore 21,15 WATCHMEN – « Diario di Rorschach, 12 ottobre 1985. Stanotte, un Comico è morto a New York… » e non era Grillo.

 

 

 

9) TV8 ore 21,20 I DELITTI DEL BARLUME:  IL RE DEI GIOCHI – Tratto dai libri di Marco Malvaldi racconta di un barista matematico e di quattro terribili vecchietti che anziché godersi la pensione preferiscono impicciarsi di casi di cronaca nera

 

 

IL RESTO È

Italia2 ore 21,10 NEVER BACK DOWN  MAI ARRENDERSI Karate Kid 20 anni dopo ma molto più bolso

La5 ore 21,10 LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 In Italia se un film supera l’incasso di 1.000.000 subito si fa un sequel. Tanto ci sono i contributi statali

NOVE ore 21,20 IL TESORO DELL’AMAZZONIA La deforestazione è un orpello per questo film dove l’unica cosa interessante è Rosario Dawson

FOOD Network ore 21,10 CON QUESTO ANELLO Black Comedy sulla scommessa di matrimonio entro 12 mesi

Buona visione!

Vi è un luogo, lontano dalle giornate dedicate e dalle frequentazioni di massa, dove è possibile respirare lo spirito di un tempo antico,dove si riescono a sentire le voci di chi vi ha vissuto. Vi consiglio di andarci in una giornata di primavera,col vento che si porta dietro i sussurri,coi fiori selvatici che danzano al vento, il sole radente sui resti di pietra degli antichi altari e delle tombe. Siamo a Kainua ( più comunemente conosciuta come Misa) a Sasso Marconi nella piana di Misano ,dove l’insediamento etrusco nel sesto secolo avanti cristo era importante per gli scambi commerciali ( vista la vicinanza del fiume Reno)come Felsina e Spina.Il sito, seppur andato in parte perduto a causa dell’erosione della marna dovuta al fiume Reno (che sgretolò la parte più a sud del pianoro su cui era fondata la città provocandone il crollo), rimane unico nel suo genere poiché ha perfettamente conservato le tracce della sua planimetria. E’ possibile passeggiare sui resti dell’impianto urbano ortogonale,le due necropoli e l’acropoli con le sue aree sacre.Lì potrete sentire che tutto passa, ma che ,forse,qualcosa resta …anche solo nel sussurro del vento.

Per la salvaguardia delle api e degli altri insetti impollinatori, durante il periodo della fioritura di qualsiasi coltura (dalla schiusura dei petali alla caduta degli stessi) è VIETATO eseguire trattamenti insetticidi e acaricidi. Anche i trattamenti con fungicidi vanno limitati, per evitare possibili effetti negativi o di disturbo sulle api. A questo scopo è consigliabile eseguire gli interventi nelle ore serali. Terminata la fioritura, prima di eseguire trattamenti su piante da frutto o di vite con prodotti tossici per le api, è necessario verificare l’assenza di fioriture spontanee del cotico erboso sottostante. In caso contrario è obbligatorio procedere allo sfalcio dello stesso almeno 48 ore prima del trattamento.

ALBICOCCO OIDIO: intervenire in previsione di piogge con Zolfo bagnabile. BATTERIOSI: intervenire, in previsione di pioggia, con Prodotti a base di rame. FORFICULE: In caso di presenza o di danni nell’anno precedente, formare un anello di colla attorno al tronco con collanti specifici per impedire la risalita degli insetti e danni su frutti. Si consiglia inoltre uno sfalcio frequente del cotico erboso sottostante la pianta.

CILIEGIO MONILIA: in previsione di piogge, intervenire con Zolfo bagnabile a dosi ridotte.

PESCO BATTERIOSI: intervenire, in previsione di pioggia, con Prodotti a base di rame a basso dosaggio. OIDIO: intervenire in previsione di pioggia con Zolfo bagnabile. MIRIDI E CIMICI: evitare lo sfalcio del cotico erboso sotto la pianta e intervenire, in caso di forte presenza, con piretro naturale.

SUSINO BATTERIOSI: su varietà sensibili intervenire, in previsione di pioggia, con Prodotti a base di rame a basso dosaggio. OIDIO: dalla scamiciatura, intervenire in previsione di pioggia con Zolfo bagnabile.

MELO TICCHIOLATURA: Si consiglia di mantenere protetta la vegetazione in previsione di piogge con Prodotti a base di rame, soprattutto in presenza di macchie sulle foglie. Si consiglia inoltre di miscelare i sali di rame con zolfo bagnabile nei casi di forti attacchi di oidio negli anni precedenti.

PERO TICCHIOLATURA: In presenza di macchie si consiglia di intervenire, in previsione di pioggia, preventivamente con Prodotti a base di rame, eventualmente in miscela con zolfo bagnabile nei casi di forti attacchi di oidio negli anni precedenti. In alternativa è possibile impiegare polisolfuro di calcio immediatamente dopo le piogge. COLPO DI FUOCO BATTERICO: ispezionare periodicamente le piante asportando le fioriture secondarie. Al manifestarsi dei sintomi, eliminare e bruciare i punti di infezione effettuando i tagli ad almeno 70 centimetri al di sotto dell'alterazione visibile. Disinfettare gli attrezzi utilizzati per le potature e gli innesti. I Prodotti a base di rame effettuati per la ticchiolatura hanno una efficacia anche per il contenimento di questa avversità.

VITE PERONOSPORA: Si consiglia di mantenere protetta la vegetazione in previsione di piogge con Prodotti a base di rame. OIDIO: Intervenire in previsione di pioggia con Zolfo bagnabile. BOSTRICO: in presenza di gallerie provocate dal coleottero, raccogliere del legno di potatura da posizionare in fascine lungo i filari con funzione di esca nei confronti delle femmine, che compaiono da metà aprile fino a metà maggio. A metà giugno i fasci vanno bruciati per distruggere uova e larve.

CIPOLLA PERONOSPORA e BATTERIOSI: In previsione di piogge intervenire con Prodotti a base di rame.

PATATA PERONOSPORA: In previsione di piogge intervenire con Prodotti a base di rame. NOTTUE

TERRICOLE: in caso di infestazioni raccogliere manualmente le larve nelle prime ore del mattino.

FRAGOLA OIDIO: intervenire in maniera preventiva con zolfo o bicarbonato di potassio. Trattamenti in fioritura possono favorire la deformare del prodotto.

LATTUGA NOTTUE FOGLIARI: in caso di infestazioni leggere raccogliere manualmente le larve nelle prime ore del mattino. In caso di forti infestazioni trattare la vegetazione con formulati a base di Bacillus thuringiensis var. kurstaki o aizawai nelle ore serali. PERONOSPORA: in previsione di piogge intervenire con SALI DI RAME. BATTERIOSI: alla comparsa dei primi sintomi intervenire con Prodotti a base di rame. Prestare attenzione al rischio fitotossicità in seguito ad eventuali abbassamenti di temperatura.

MARCIUME DEL COLLETTO: evitare di eccedere con la fertilizzazione azotata.

POMODORO PERONOSPORA e BATTERIOSI: in previsione di piogge intervenire con Prodotti a base di rame. NOTTUE TERRICOLE: in caso di infestazioni raccogliere manualmente le larve nelle prime ore del mattino.

ZUCCHINO OIDIO: intervenire fino ad inizio raccolta con prodotti a base di zolfo o bicarbonato di potassio.