|

 

Blairiani nostrani

I Conservatori hanno vinto nettamente le elezioni britanniche ed i laburisti non solo le hanno perse, ma hanno addirittura ridotto la loro presenza in parlamento rispetto alle precedenti elezioni.

Jeremy Corbyn ha già annunciato che si dimetterà come è giusto che sia dopo aver avuto la possibilità di affrontare Theresa May prima e Boris Johnson poi, risultando sconfitto – lui e la sua proposta politica – entrambe le volte.

Eppure c’è qualcosa che stona – e molto – nel linciaggio mediatico in cui si sono immediatamente lanciati i blairiani nostrani e la quasi totalità delle testate giornalistiche: Repubblica e Corriere in testa.

Prima ancora di analizzare il voto – le sue ragioni e le sue conseguenze – tutti i principali opinionisti si sono affrettati a spiegare quanto siano perdenti Corbyn e la sua “linea politica”: un modello negativo assolutamente da non replicare. Anzi da distruggere e abbandonare all’oblio il prima possibile.

Parola d’ordine: “riformismo”. Che tradotto secondo l’interpretazione italica significa che l’unica ambizione della sinistra dovrebbe essere (e rimanere) quella di fare delle politiche di destra più moderate e “responsabili”: jobs act, grandi opere, innalzamento dell’età pensionabile, ossessione per la tenuta dei conti ed il rispetto delle regole europee, tagli alla spesa pubblica, politiche migratorie e di cittadinanza oltranziste, europeismo acritico etc.   

Quasi un capolavoro di “surrealismo politico” il commento a caldo di Renzi – prontamente rilanciato dai principali quotidiani nazionali (ovviamente senza alcuna analisi critica) – che accusa Corbyn e la sinistra di essere il principale alleato della destra: proprio lui che da segretario ha portato il PD al 18% e al disastro finanziario mentre casualmente la sua fondazione riceveva ingenti finanziamenti dal mondo imprenditoriale.

E se probabilmente è vero che una delle colpe principali di Corbyn sia stata la sua posizione ambigua e altalenante nei confronti della Brexit è altrettanto vero che nessuno in Europa (né tanto meno tra i fantomatici riformisti) sembra chiedersi come mai l’Unione Europea – non solo in Inghilterra – non goda esattamente di buona fama e popolarità.

Facciamo così: hanno ragione Renzi, i renziani, i blairiani nostrani, Repubblica, il Corriere and Co.. Corbyn e la sinistra sono perdenti. I migliori alleati della destra. I responsabili della Brexit. Hanno talmente ragione che queste elezioni britanniche dovrebbero diventare un termine di paragone per tutte le forze progressiste europee nei prossimi mesi e anni. Chi prende meno del 32% (la percentuale ottenuta dai laburisti) sarà automaticamente classificato come “peggio del peggior perdente”.

Ci sarebbe da divertirsi, ma chissà perché non mi viene da ridere, né voglia di pop corn.

Share Post