|

 

Bologna welcome?

Al piano terra del prestigioso Palazzo del Podestà in Piazza Maggiore, in uno spazio rinnovato, luminoso ed accogliente, Bologna Welcome si propone come un “punto di eccellenza per i servizi di informazione ed accoglienza turistica di Bologna, destinati sia ai turisti che ai cittadini.”

Lo spazio rinnovato di Bologna welcome, molto rimpicciolito rispetto a quello precedente e reso meno fruibile da un elimina code che dà la possibilità di accedere alla biglietteria e/o ad una signorina che parla un inglese renziano, nel giro di un quarto d’ora (in giornata feriale!), non è proprio un benvenuto in città .
Quindi attesa di un quarto d’ora per prendere il biglietto per la mostra nell’ex sottopassaggio (con pavimento già sbrecciato) dedicata ai Lumiere.
Purtroppo nessuna audio guida ed una mostra in penombra con didascalie al limite della visibilità, personale svogliato e poco incline alla collaborazione e nulla di particolarmente emozionante.
Ben fatta la sala dei piccoli schermi che si susseguono, l’installazione della visione a 360 gradi e i filmati fatti dai registi moderni (Almodovar, Tarantino, Cimino, Sorrentino..) della scena dell’uscita dalla fabbrica, il primo filmato dei fratelli Lumiere.
Uno schermo con un incredibile filmato di allora in 3D, ma senza gli occhialini per vederlo.
Si poteva fare di meglio.
“Una eccezionale raccolta di materiali originali (fotografie e oggettistica) costitutivi dei primi pionieristici esperimenti dei fratelli Lumière si intreccerà alla scenografia di proiezioni che  porteranno alla scoperta della nascita del cinema.”
Share Post