|

 

“Da ognuno secondo le proprie capacità, a ognuno secondo i propri bisogni”

17 agosto del 1945:

Lo scrittore britannico George Orwell pubblica il romanzo satirico: “Animal farm”. E’ un’allegorìa del totalitarismo sovietico al tempo di Stalin in cui gli animali di una fattoria decidono di seguire i principi marxisti. (In Italia sarà pubblicato come: “La fattoria degli animali”).

“Tutti gli animali sono uguali,ma alcuni sono più uguali degli altri “

A causa dei suoi riferimenti precisi, La fattoria degli animali è stata spesso considerata una satira nei confronti del solo comunismo sovietico. Alcuni vi leggono, tuttavia, anche tratti distintivi di altri regimi: si distinguono particolarmente i tratti eziologici della nascita della corruzione e del perseguimento di interessi personali da parte dei detentori del potere in seguito al raggiungimento del medesimo. Nel racconto si può rintracciare quindi una disillusione valida più in generale per qualunque rivoluzione, cioè la considerazione che la ricerca del potere finisca prima o poi per far tradire gli iniziali ideali rivoluzionari. Quindi nemmeno in un mondo utopico le cose vanno a finire bene.

Share Post