|

 

Esco. Non esco…

 Esco. Non esco. Chissa’ se esco. Forse esco. Dai mo esco. Devo fare la spesa. In casa non c’è più niente. Sono autorizzato.  Conte dice che posso farlo. Prima però ascolto una trasmissione televisiva per capire di più. La conduttrice ha la rara capacità di interrompere chiunque prova a fare un ragionamento sensato. Ne so meno di prima mi è solo aumentata l’ansia. Vado su Facebook. Sono inondato da tutto e il contrario di tutto. Complotto degli Usa. No dei cinesi. Comunque complotto di qualcuno. Appelli a stare in casa. Appelli a non assaltare i supermercati. Un mio amico di infanzia che chiamavamo “ il Tardo” , perché non ci arrivava subito ed era riuscito a farsi bocciare alle medie, posta continuamente analisi sulle cause, gli effetti, del virus. Si atteggia a scienziato. Dispensa consigli, emette direttive, emana raccomandazioni. Un altro che solo una settimana fa considerava una follia le prime misure di contenimento perché non si doveva impedire alla gente di andare al bar o alla bocciofila. Ora ha l’hashtag “ io resto a casa”. Vabbè. Chiudiamo Facebook. Mi chiamano dall’ufficio. Sono certo che faremo tutti smart working. Sbagliato. Non tutti sono convinti. Si apre un dibattito surreale tra chi pensa che sia una occasione per sperimentare un nuovo, e più evoluto modo di lavorare, e chi dice che è solo un modo per rimanere a casa in pigiama. Non si risolve niente. Qualcuno fa smart working, qualcuno va fisicamente in ufficio. Uscire e fare la spesa diventa una prova di coraggio. Procedo. Mi aggiro tra gli scaffali. Ad ogni colpo di tosse, ad un accenno di starnuto , tutti sobbalzano. Alla cassa un tizio particolarmente sovraeccitato guarda malissimo una poveretta che ha l’ardire di soffiarsi il naso. Per fortuna non ha un mitragliatore. Sarebbe stata una strage. Fatto. Sono a casa. Tutte le stanze sono occupate. Mia moglie in collegamento con i colleghi del lavoro. Mio figlio segue una lezione all’università in video conferenza. Mia figlia è in call con il master. Sono tutti in pigiama.

Share Post
Written by