|

Sono le passeggiate al lago.

Sono i racconti dei castelli, quelli veri e quelli immaginari.

Sono gli abbracci sopra e i sussurri sotto le coperte.

Sono le ore passate a guardarti giocare e i minuti passati a rispondere alle tue domande su come ci si trucca.

I momenti in cui ti stavamo aspettando ed i momenti a ragionare sul futuro.

Sono le chiacchierate con i nonni davanti lo schermo di uno smartphone; sono le gite in campagna, le estati al mare e gli inverni davanti al cammino.

Sono i costumi di “Mimmi” inviati dallo zio e il pianoforte rosso dell’altro zio.

Sono i gelati “giganti” di cioccolato “chiaro” e fondente; le caramelle al ‘ciuccio’; il melone che mangeresti a vagonate e che non hai mai accettato non mi piaccia.

Sono gli attimi in cui gelosa vi guardo con papà cantare tutto il ‘vostro’ repertorio Disney e quelli in cui mi chiedi di interpretare “Кога сонцето заоѓа”…

Sono i pranzi e le cene durante le quali ti addormenti in braccio e gli aperitivi il venerdì sera con aranciata e patatine.

Sono i tuoi racconti di avventure con i cugini macedoni e le giornate rubate allo zoo di Skopje.

Ogni volta che ti presenti ad una persona completamente sconosciuta e ogni volta che delicatamente ti inserisci in un gruppo di bambini senza problemi.

I tuoi continui “rimproveri” da piccola perfezionista.

Il tuo spirito indipendente, la tua sincerità infantile, la vanità innata.

La fortuna di vederti crescere sempre più curiosa e dinamica nella sfortuna generale del lock down.

Di tutto questo e di tante altre cose io sono grata.

Share Post
Written by

Mi chiamo Marija Belicheva. Sono macedone e vivo a Bologna da quatro anni. Sposata e da poco mamma della piccola Sophia. Mi occupo di Marketing e Commercio estero per una società emiliana. Ho studiato lingue, interpretariato e studi europei. Mi piace viaggiare, leggere e condividere.