|

 

La sostenibile “cicciotella” Emilia….plurimedagliata

Forse non tutti sanno che l’Emilia-Romagna è regione leader nelle pratiche agricole cosiddette sostenibili. Oltre a detenere il primato nazionale della agricoltura blu e delle DOP e IGP, produzioni tutelate nella loro storicità, qualità e biodiversità  territoriale dalla Unione Europea, è la prima del Centro Nord per produzioni agricole biologiche e biodinamiche, la prima in Italia per trasformazione e commercializzazione del biologico, la prima per diffusione delle tecniche di agricoltura integrata nei comparti agroalimentari a maggiore specializzazione. Questi ultimi sono tre distinti concetti di sostenibilità. L’agricoltura biologica è un metodo di coltivazione disciplinato a livello comunitario che ammette solo l’impiego di sostanze naturali, escludendo l’utilizzo di prodotti di sintesi chimica. Per la fertilizzazione del terreno si utilizzano concimi organici e minerali naturali. Per la disinfestazione si ricorre a sostanze naturali o all’utilizzo di insetti che si nutrono dei parassiti delle piante. L’agricoltura biodinamica da parte sua considera l’azienda agricola un vero e proprio “organismo vivente autosufficiente”, inserito nel più grande organismo vivente cosmico, dalle cui influenze dipende. I ritmi cosmici influenzano i calendari di semina, coltivazione e raccolta. Gli obiettivi di questa agricoltura sono l’azzeramento dell’impatto ambientale e dei residui chimici nell’atmosfera, nel terreno e nell’acqua. L’agricoltura integrata o produzione integrata è invece un sistema di coltivazione a basso impatto ambientale che si pone tra l’agricoltura convenzionale e quella biologica, ricorrendo ai mezzi chimici solo quando il rischio corso dalle colture è grave. Si scelgono i composti meno inquinanti e meno nocivi per l’uomo e viene posta particolare attenzione nel non distruggere gli insetti utili alle piante; vengono, anzi, allevati alcuni insetti innocui che entrano in competizione con quelli nocivi, non permettendone lo sviluppo. Le produzioni ottenute attraverso i metodi dell’agricoltura integrata sono riconoscibili attraverso il marchio collettivo regionale “QC” (Qualità Controllata), o, più frequentemente, tramite i marchi privati della Grande Distribuzione. Le produzioni biologiche di riconoscono attraverso il marchio UE delle 12 stelle che disegnano una foglia, mentre quelle biodinamiche tramite un marchio privato internazionale.

Share Post