|

 

Paure, prima e post nascita

Ciao a tutti!

Lo so, sono stata assente per un po’ ma dovete giustificarmi: abbiamo battezzato la nostra Sophia e visto che siamo una famiglia numerosa, mista e complicata e in più abbiamo tanti amici, mi sono persa un po’ dietro le preparazioni e l’organizzazione.

Scriverò in futuro di cerimonie e della loro organizzazione, oggi invece vorrei parlare di “paure”.

Le paure di ogni mamma: piccole e grandi, giustificabili o no, condivisibili o meno, vere o immaginarie. Ogni mamma ha le proprie. Paure che cambiano e si “evolvono” a seconda del periodo e che possono essere divise in prima e/o dopo la nascita dell’adorato/a figlio/a.

La mia grande paura prima della nascita di mia figlia, ad esempio, era che potesse nascere senza le dita delle mani. Non conosco le origini di questa paura. Da piccola conoscevo una ragazzina senza dita (che riusciva comunque fare quasi tutte le cose che facevamo noi) e probabilmente questa immagine è rimasta in qualche angolo nascosto della mia mente per poi tornare prima del parto. La paura di una mia cara amica era che sua figlia potesse nascere con il sindrome di Down. Mia cugina aveva paura che qualcosa potesse andare storto durante il parto e una mia collega aveva paura della lacerazione perineale.

Per fortuna, nulla di quello immaginato e temuto è successo. Ma le paure c’erano e ci saranno per tutte le mamme. Spetta a noi affrontarle e magari riuscire a vincere quella brutta sensazione che non ci fa dormire di notte e ci fa pensare di giorno.

Le paure post-parto invece non finiscono mai. Si evolvono, cambiano, crescono, si vincono o si perdono. Anzì, secondo me, qui spesso entra in gioco anche la nostra parte più irrazionale.

Tua figlia fa il bagnetto sul bagnasciuga del mar Adriatico e tu sei pronta a proteggerla e lottare contro i mostri marini di “Ventimila leghe sotto i mari”. Tuo figlio fa tardi la sera e ogni minuto di ritardo inizi ad immaginare tutta una serie di sciagure progressivamente più gravi fino a convincerti alla fine, che sia stato rapito dagli alieni. La figlia adolescente della tua vicina non si fa vedere a scuola e tutti a pensate che sia andata a farsi il tatuaggio lungo tutta la schiena che aveva visto in una rivista il giorno prima.

La verità è che spesso siamo esagerate, irrazionali e forse abbastanza giovani per ricordare cosa facevamo noi non molto tempo fa. E questo, ovviamente, non fa altro che aumentare le nostre preoccupazioni. 🙂

Una cosa è certa: una volta che diventi mamma hai più paure. Ma hai anche più coraggio per affrontarle e combatterle.

Ciao a tutti, Marija

Share Post
Written by

Mi chiamo Marija Belicheva. Sono macedone e vivo a Bologna da quatro anni. Sposata e da poco mamma della piccola Sophia. Mi occupo di Marketing e Commercio estero per una società emiliana. Ho studiato lingue, interpretariato e studi europei. Mi piace viaggiare, leggere e condividere.